Europa
Lunedì 23 Settembre 2019
Redazione  

La frontiera di una donna

29 February, 2008 | Redazione | Tema: Argentina, Editoriali

Ora che la signora Fernandez de Kirchner è Presidente dell’Argentina, ci domandiamo: perché mai l’avrà fatto?
Cosa ha spinto la senatrice Cristina a candidarsi per la Presidenza dell’Argentina?

Forse il desiderio di dimostrare, come tante volte ha dichiarato, che dietro la scalata del marito c’era lei, sua eminenza grigia.
In questo caso, e ce lo auguriamo, potremmo aspettarci grandi cose se vorrà realizzare tutto quello che lui non è riuscito a fare…

Se invece la sua candidatura fosse stata un espediente per non abbandonare i saloni della Casa Rosada, allora non c’è da sperare in un grande disegno politico.

Se poi l’avesse fatto in un’impeto di autoaffermazione femminile, considerando la collega Hillary una donna che fa tendenza, mi pare che la signora Cristina avrebbe dovuto tenere più d’occhio la vecchia Europa, non solo per trovare l’ultimo modello di tailleur, ma anche per scoprire che la sig.ra Cecile, ormai non più Sarcozy, è diventata la nuova icona femminile.

Lei, pur potendo essere la prima donna di Francia, ha rinunciato ai riflettori per riprendere in mano la propria vita di persona normale.
La pace dell’anonimato e la fuoriuscita dagli schemi pare essere la nuova frontiera che tante donne affermate hanno raggiunto.

Però, i voti che hanno portato alla vittoria la Presidente, sono venuti anche da donne comuni, a parte quelle che, dopo tre ore di paziente attesa in coda, si sono viste chiudere in faccia la porta del seggio, senza aver potuto esprimere il proprio voto.

È verosimile pensare che molte di loro abbiano visto finalmente una possibilità di cambiamento anche nella loro semplice vita: un presidente con la gonna, sia pure griffata, se facesse appello alla propria sensibilità di donna, di moglie e di madre potrebbe capire, sebbene non lo sperimenti, quali sono i problemi che quotidianamente tante donne argentine affrontano, facendo salti mortali per mettere qualcosa sul tavolo dei propri figli, dal primo all’ultimo giorno del mese.

E soprattutto, oltre a capire, potrebbe fare qualcosa…

©2008 ElCanillita.eu – SalaStampa.eu. All rights reserved.

Parole Chiave: